This domain has recently been listed in the marketplace. Please click here to inquire.

spamcheckr.com

8 Trend che investiranno il settore HR nel 2018

La nota rivista statunitense Forbes lo annuncia a chiare lettere: per il dipartimento Risorse Umane questo sarà l’anno della tecnologia! E se fino a qualche mese fa l’attenzione era tutta concentrata sulle performance e la cultura aziendale, quest’anno il focus principale è proprio la tecnologia nelle sue varie declinazioni.

Entriamo nel vivo di questi cambiamenti, elencando punto per punto quelli che saranno i principali trend che coinvolgeranno le direzioni HR.

  1. Formazione continua e online: per fronteggiare le sfide del mondo del lavoro serviranno competenze nuove. Molte aziende punteranno sui propri dipendenti per affrontare i cambiamenti imposti dalla digitalizzazione, investendo maggiormente in aggiornamento e formazione. Per restare al passo con i tempi, i futuri lavoratori dovranno continuare a formarsi per tutta la carriera, anche grazie all’e-learning.
  2. Lavoro agile: sempre più aziende sperimenteranno lo smart working e il lavoro da casa, alcune per pochi giorni al mese, altre in maniera più massiccia.
  3. Gamification: versatilità e applicabilità in diversi contesti e situazioni è la chiave vincente di questa metodologia che sta prendendo sempre più spazio all’interno delle organizzazioni. Nel mondo enterprise, la gamification può essere utilizzata come strumento di pre-screening per analizzare con più accuratezza competenze e abilità dei candidati, ma anche come strumento di formazione o analisi delle performance. Per quanto riguarda il recruiting, si tratta di uno strumento che agevola sia i candidati che i recruiter: i candidati misurandosi con prove e sfide mostrano il loro reale potenziale; dall’altro lato i recruiter possono contare sui dati elaborati dagli algoritmi che indicano i punti di forza e di debolezza delle persone che stanno esaminando.
  4. Nuovi strumenti di recruiting: Non più CV cartacei e colloqui telefonici! Molte aziende continueranno a sperimentare nuovi strumenti di recruiting come l’intelligenza artificiale, la gamification e le video interviste.
  5. A caccia dei migliori talenti: La sfida tra le aziende per accaparrarsi i talenti migliori favorirà una maggiore cura dell’employer branding, cioè del modo in cui l’azienda si presenta ai potenziali candidati per attirarli. Oltre a promuovere il brand aziendale, occorrerà anche migliorare il processo di candidatura rendendo più agevole l’invio dei CV, creando career website accattivanti e moduli di candidatura brevi.
  6. Rinnovare le valutazioni di performance: Rispetto ai tradizionali cicli di valutazione annuale, si andrà verso feedback più frequenti per ottimizzare così la performance di ciascun dipendente.
  7. Competenze digitali: Anche nel 2018 proseguirà il trend HR che vede le aziende incorporare la tecnologia in ogni aspetto del business. All’ufficio Risorse Umane il compito di assicurarsi che ogni dipendente sia coinvolto in questo processo e sviluppi le competenze necessarie per tenere il passo.
  8. Utilizzo della realtà aumentata e virtuale nella formazione: non c’è niente di più realistico della realtà virtuale! Le professioni più specialistiche e tecniche potranno acquisire competenze significative attraverso la realizzazione di corsi virtuali estremamente realistici.

 

 

Aziende sempre più fluide e flessibili, team di lavoro geo-localizzati, competenze digitali e strumenti che facilitano l’individuazione di nuovi talenti: che si tratti di cambiamenti radicali oppure no, le organizzazioni si stanno evolvendo verso un’unica direzione, la digitalizzazione, cioè l’adozione delle nuove tecnologie in maniera consapevole, pervasiva, integrata e strategicamente legata al business. Alle direzioni HR viene chiesto di agire sempre più come partner dell’organizzazione, accogliendo i cambiamenti e aiutando le persone a fronteggiare le sfide imposte da questa evoluzione.

Condividi:
FacebookTwitterLinkedIn