The Eco Family: educare alla sostenibilità domestica

IMG_03072014_131645Prende il nome di Eco Family l’ultimissimo serious game realizzato da Grifo multimedia. È il risultato di un lavoro affidatoci dalla Regione Puglia nell’ambito delle attività di sensibilizzazione del progetto europeo water saving for development (WAS4D). In questo post di marzo, vi abbiamo raccontato i dettagli del progetto quando era ancora agli albori. Oggi Eco Family è live, e potete giocarci cliccando qui:

L’ambiente di gioco è basato su un’interfaccia che riproduce una casa suddivisa in quattro stanze: bagno, cucina, salotto, e camera da letto. Navigando nei vari ambienti della casa si possono attivare due mini-game e due quiz grazie ai quali si acquisiscono concetti utili alla gestione di una casa eco-sostenibile relativamente a:
• risparmio idrico;
• risparmio energetico;
• gestione dei rifiuti;
• accorgimenti eco sostenibili della costruzione.

Ciascuna stanza contiene elementi che vanno gestiti con particolare attenzione, perché l’utilizzo inappropriato conduce a sprechi idrici, energetici, o alla gestione non sostenibile dei rifiuti. Al giocatore è richiesto di agire velocemente e nel minor tempo possibile, per poter conquistare i punti che servono a costruire e completare graficamente la “casa ideale”. Vediamo ad adempio cosa accade quando il giocatore entra nel giardino della casa. Lì troverà un gioco sul risparmio energetico. Il gioco consiste nel sostituire le vecchie lampadine con altre a risparmio energetico. Si tratta di una specie di Pacman: il personaggio del giocatore deve percorrere un labirinto e passare sopra le vecchie lampadine; passandoci sopra le sostituisce con altre nuove più efficienti. Il tutto deve essere effettuato nel minor tempo possibile.

Disponibile in due lingue, italiano e greco, il gioco è fruibile su Facebook dove i giocatori possono visualizzare i loro punteggi, in modo da generare competitività e confronto tra tutti coloro che si cimentano nel gioco.

Adesso non vi resta che giocare su facebook.

Condividi:
FacebookTwitterLinkedIn